Ordo Pro Balistarii (Lucca)

Traduzione dal latino dell’Ordo Pro Balistarii, la normativa che regolamentava la disputa dei Palii dei balestrieri a Lucca.

Tratto da Il gioco della balestra, dello schioppetto, del passavolante, delle artiglierie e del fucile in Lucca - origini e statuti Colonnello Angelo Angelucci - giornale “La palestra” 1862.

9 min. per leggere

Un appello per il Lucca Summer Festival nel rispetto dei Giorni di San Paolino

AGGIORNAMENTO 16/01 ore 20.00 FIRMA LA PETIZIONE SU CHANGE.ORG

Come associazione di rievocazione storica di Lucca, che organizza la Luminara di San Paolino dell’11 Luglio, e ha partecipato fino al 2016 al Palio della Balestra di San Paolino del 12 Luglio, e che è interessata a mantenere vive le tradizioni lucchesi come la festa di San Paolino, della Luminara e del Palio delle balestre in onore dello Santo Paolino, non possiamo che ricondividere quanto pubblicato da Mauro Mazzoni sul proprio profilo Facebook.

9 min. per leggere

Origini storiche dei terzieri di Lucca

Intorno all’anno 1000 la maggior parte delle città italiane erano divise in regioni e la più comune era la divisione per porte. Lucca intorno alla metà dell’anno 1000 era divisa in cinque regioni, quattro portavano i nomi delle porte della città: S. Pietro, S. Gervasio, S. Donato e S. Frediano e una Porta di Borgo S. Frediano (attualmente Porta di Borgo).

Ciascuna Regione con elezioni popolari eleggeva il gonfaloniere che regolava la vita civile e sociale della comunità di appartenenza. Le Regioni vennero divise in contrade sotto la reggenza di un priore e in ogni contrada, oltre alla magistratura civile, esisteva una divisione militare detta Società d’Armi del popolo che venne istituita nel 1198. A seguito del naturale aumento della popolazione e l’ampliamento del perimetro della città il numero delle contrade aumentò fino a diciassette.