🎯 Cosa fare a Lucca: scoprire il tiro con la balestra
di Giovanni Toraldo
3 min. per leggere

Categorie

C’era un tempo in cui Lucca era una città libera e indipendente, aveva un governo autonomo e gestiva la propria milizia cittadina per difendersi dagli attacchi invasori. Fra tutti i soldati, c’era un gruppo in particolare fra i più temuti per la destrezza con una potente arma da lancio: quello dei balestrieri.

Dal 1991 l’associazione Contrade San Paolino rievoca le origini e la storia di Lucca durante il periodo medioevale, occupandosi, fra le altre cose, del tiro con la balestra da banco. Queste balestre hanno un arco con forza statica fino a 500 kg, con cui vengono scagliate delle particolari frecce (chiamate verrette) con punta conica in ferro e fusto di legno del peso di circa 130 grammi, verso un bersaglio posto a 36 metri di distanza, senza l’utilizzo di ottiche. I tiri vengono effettuati in un’apposita area all’aperto a pochi minuti in auto da Lucca, nella frazione di Pontetetto in Via di Pattana, al Campo Tiri della Repubblica di Lucca.

Per i gruppi di persone, è possibile prendere appuntamento per una dimostrazione di tiro con la balestra: dopo una breve introduzione sul contesto storico di riferimento, si passa ad una vera e propria lezione sui componenti della balestra e dei suoi principi di funzionamento, per poi proseguire sulle tecniche di tiro.

campo tiri lucca
Il tabellone verso cui vengono posti i bersagli per il tiro

I partecipanti potranno provare in prima persona la tecnica di mira ad arma scarica, quindi in totale sicurezza, e sarà possibile scattare alcune foto-ricordo in posizione come un vero balestriere.

E’ possibile accedere liberamente all’area di tiro durante gli allenamenti dei balestrieri. Le date di apertura variano in base alla disponibilità dei soci e delle condizioni meteo, pertanto è necessario mettersi in contatto tramite uno dei canali disponibili per avere informazioni sulle prossime aperture.

balestrieri lucca
Balestriere al tiro, aiutato dal maestro d'arme