ACSP non partecipa al 43° Palio delle Balestre in onore di San Paolino

L'Associazione Contrade di San Paolino di Lucca porta a conoscenza della cittadinanza lucchese che non parteciperà al Palio di San Paolino del 12 luglio 2017, in quanto, contrariamente alla tradizione degli ultimi anni, non invitata dal gruppo promotore.

La Compagnia Balestrieri, organizzatrice del Palio cittadino, ha preso unilateralmente ed incomprensibilmente questa decisione alla quale con molto dispiacere ci atteniamo.
Ciò che ci stupisce e lascia basiti, è proprio il mancato invito ad un gruppo come il nostro che, non solo rievoca il tiro con la balestra, ma in tutti questi anni ha rappresentato, rappresenta e rappresenterà Lucca in ogni sua manifestazione.
Il Palio di San Paolino dovrebbe essere una festa per il Santo e per tutti i cittadini ed anche un momento di unione per tutti i gruppi storici della città.

Le due squadre (Compagnia Balestrieri e Associazione Contrade di San Paolino) hanno sempre dimostrato un pieno e sentito agonismo nel balestrare e anche antagonismo puro che, se sfruttato sempre con spirito sportivo, potrebbe essere di beneficio sia per le squadre stesse che, ne siamo convinti, per l'intera cittadinanza.

Questo comunicato viene reso noto unicamente per informare i cittadini lucchesi e per una corretta interpretazione dei fatti.

Il presidente
Paolo Gianni

Download Versione PDF

image

Rassegna stampa:
Lucca In Diretta
LoSchermo.it

image
1 min. per leggere

Luminara di San Paolino 2017

image

Continua a rinnovarsi la tradizionale Luminara di San Paolino, in programma per la sera dell’11 luglio, organizzata dall’Associazione Contrade San Paolino in occasione dei festeggiamenti del Santo Patrono lucchese.

Il programma:

ore 19.00: Piazzale Verdi, area archelogica: Spari a salve di artiglieria per l'inizio della Luminara di San Paolino, a cura di Historica Lucense
ore 20.15: Piazzale Verdi verso Piazza San Martino, partenza del corteggio storico
ore 21.00: Piazza San Martino, esibizioni dei gruppi storici presenti
ore 21.45: Piazza San Martino verso Basilica di San Paolino, corteggio storico
ore 22.00: Accoglienza dei gruppi da parte del Parroco della Comunità del Contro Storico sul Sagrato della chiesa, preghiera per la città. All'interno della Basilica, preghiera del balestriere ed esecuzione del Mottetto per San Paolino a cura della Polifonica Lucchese
ore 22.30: Piazza Cittadella, cena in costume storico per tutti i gruppi partecipanti

I gruppi storici che parteciperanno a questa edizione sono: Sbandieratori e Musici Città di Lucca, Associazione Historica Lucense, Compagnia Francesco Ferrucci di Gavinana, Compagnia dell'Ariosto di Castelnuovo Garfagnana, il Gruppo Storico Ghivizzano Castello, i Valletti del Comune di Lucca, la Vicaria di Gallicano e i Grifoni Rampanti. Grande sforzo organizzativo delle contrade che anche quest’anno porteranno il conteggio presenze a circa 200 persone in abiti storici.

Per gli ultimi aggiornamenti, consultare la pagina Facebook “Luminara di San Paolino”.

Sarà sempre valido il concorso di fotografia social indetto dalla nostra associazione: scatta una foto e pubblicala con hashtag #consanpaolino (su instagram, twitter, o anche qui su facebook).

Foto dell’articolo di Nicoletta Cerasomma e Francesco Menchini.

image
2 min. per leggere

lucca medievale 2017








<h2>Lucca Medievale continua a far sognare</h2><p>Con l’ultimo magico spettacolo delle acrobate del fuoco, domenica sera si è conclusa con successo la manifestazione “Lucca Medievale”.</p><p>Bella la scenografia di Piazza San Francesco con il suo villaggio medievale, dove si sono potuti ammirare gli antichi giochi in legno per la gioia dei più piccoli, i falconieri con le esibizioni di rapaci che hanno incantato il pubblico, gli antichi mestieri (il ceraio – il rilegatore) accanto ai banchi con manufatti in legno, in pietra o in ambra, i numerosi spettacoli dalle Ocarine Gaggle, ai trampolieri, e i numerosi gruppi storici che sono convenuti dalla Toscana (Pietrasanta e Volterra).</p><p>Un pizzico di rimpianto da parte degli organizzatori sull’affluenza del pubblico, che specialmente durante il giorno non è stata all’altezza delle aspettative. Tre i fattori che hanno inciso sui risultati previsti: lo spostamento della data alla fine di giugno rispetto all’edizione dello scorso anno, il clima afoso che ha contraddistinto entrambe le giornate, a cui si è anche aggiunta la concomitanza con la giornata elettorale di domenica.</p><p>Comunque, un’edizione chiusa con soddisfazione per quanto realizzato e messo in scena grazie all’operato delle due Associazioni organizzatrici: Contrade San Paolino e Promo-Terr.
Un grazie doveroso alle tante altre associazioni che hanno partecipato e contribuito al ricco programma, un grazie alle tante attività commerciali di piazza san Francesco che hanno sostenuto, anche economicamente, la manifestazione, un grazie doveroso al pubblico che ha partecipato ed alle istituzioni che hanno permesso la sua realizzazione, per quello che è ormai diventato un appuntamento consolidato del giugno lucchese.</p><p>Ci rivediamo per Lucca Medievale 2018, aggiornamenti e altre foto saranno pubblicate prossimamente sulla pagina Facebook “Lucca Medievale” o sul sito www.luccamedievale.it</p><p>Foto di Giuseppe Leonardi, Giacomo Bini, Francesco Menchini e Giovanni Toraldo.
</p><p>Guarda gli altri album pubblicati:</p><ul><li>Giuseppe Leonardi</li><li>Francesco Menchini</li><li>Giovanni Toraldo</li></ul>

2 min. per leggere

I balestrieri di San Paolino vincono il torneo di Lucca Medievale 2017

image

Ad appena due settimane dall'ultimo Campionato nazionale di balestra LITAB, dove l’Associazione Contrade San Paolino ha ottenuto il terzo posto, i balestrieri lucchesi si sono distinti nuovamente nella manifestazione “Lucca Medievale”, ottenendo la vittoria al “II° Torneo dei Balestrieri in onore dello Santo Francesco”. Con 316 punti contro i 313 della Compagnia Balestrieri di Volterra, attuali detentori del titolo di Campioni Italiani 2017, i balestrieri di San Paolino si sono infatti aggiudicati il Palio realizzato appositamente dal Prof. Giovanni Lorenzetti.

Il torneo è stato il culmine della manifestazione tenutasi in Piazza San Francesco, riuscendo ad attirare turisti e famiglie, nonostante il grande caldo, grazie alla presenza di un variopinto mercatino di arti e artigiani, e di numerosi ed apprezzati spettacoli di strada. Inoltre, novità di quest’anno, Lucca Medievale ha avuto l’onore di ospitare la Contrada La Cervia, gruppo storico di Pietrasanta nonché una delle contrade partecipanti al Palio dei Micci di Querceta. Tutto ciò ha reso il fine settimana medievale ricco di attività, alla riscoperta di antiche tradizioni e nella ricerca di una sempre migliore promozione della nostra amata Città di Lucca.

Prossimo appuntamento alla Luminara di San Paolino la sera dell’11 luglio.

1 min. per leggere

Trofeo Domenico Lippolis

image

Al XXXIII Campionato nazionale LITAB, grazie al primo posto ottenuto dal nostro maestro d’armi Mauro Tolomei, abbiamo ricevuto il trofeo intitolato a Domenico Lippolis, balestriere della compagnia di Ventimiglia.

Curiosi di conoscerne la storia, abbiamo chiesto agli amici ventimigliesi di inviarcela, che ripubblichiamo volentieri qui di seguito.

DOMENICO LIPPOLIS detto MINGUCCIO

«Dumenega matin, mi sun au Campu de Tiru, versu növ’ure, pe’ deix’ure t’aspeitu, che gh’è da fa’ caiche travaglietu». Ad ogni primavera, da quando era in pensione: «Ven a stagiun bona, au dopusdernà, versu tre ure, mi vagu a fa’ dui tiri, cun a balestra antiga. Ti sai che ghe sun, fate ve’». Con queste accattivanti premesse, Minguccio teneva unito il nucleo attivo della Compagnia Balestrieri. «Se nu’ ti gh’ài de megliu, fermite a mangià cun nui, se famu in cundigliun e in bisteca insci’a grixéla». Al termine della cenetta rustica, al Campo, che finiva per essere pantagruelica, ancorché amava tenere la dispensa sempre ben fornita, era consuetudine intavolare due mani alla “belota”, nelle quali difficilmente concedeva il benché minimo “atout” agli avversari.

Qualunque attrezzo mancasse, qualsiasi minuteria servisse ai balestrieri, il beneficiario della richiesta era: «Minguccio, ti ghe l’ài in scaupeletu, pe’ purré turnìme ina vereta». Quando non trascorreva mezz’ora a tornire egli stesso il legno di dardo, per poi farne dono al balestriere poco intraprendente. Oppure, ricordando l’ottimo apprendistato da fabbro ferraio, forniva il “bagaglio” della Compagnia di irrinunciabili opere d’uso.

Nell’organizzare le trasferte teneva conto d’ogni minimo particolare, non dimenticando proprio nulla. Tanto che ad uno degli ultimi impegni esterni della Compagnia, quando lui stava già poco bene, i nostri amici hanno dimenticato addirittura il bancaccio in magazzino. Si era fatto una bella risata quando gliel’avevano raccontata, scuotendo il suo dignitoso capo canuto.

Molte delle istituzioni sorte nell’ambito dell’Agosto Medievale hanno trovato in Minguccio un caparbio propugnatore. Suo è stato l’embrione di quella che diventò la Comitiva Medievale: infatti sollecitava continuamente l’amico taggese Tomaso, per ottenere una curata realizzazione dei tanti indispensabili costumi d’epoca.

Gli Sbandieranti e le Tamburine della Rappresentativa ricordano i suoi molteplici interventi per addolcire la loro giovanile attività, per la quale era disponibile sempre, ovunque e comunque.

Anche nella Croce Verde degli anni cinquanta, quando era stato nominato «Direttore Tecnico» per i servizi, dedicando molto del suo tempo libero, aveva predisposto un eccellente organico ed una funzionale macchina organizzativa. Come donatore di sangue aveva raggiunto il massimo dei prelievi, contribuendo anche all’allargamento della base donatoriale, in équipe con il suo caro amico Dario.

Alla fondazione del Sestiere Cuventu era stato presente, dando anche a questo sodalizio il massimo della organicità, fin quando andato in pensione - preferì dedicarsi alla sua ardita balestra. Non soddisfatto del suo primo teniere, ne aveva costruito uno, migliorandone notevolmente le prestazioni, che lo portarono al secondo posto nel Torneo nazionale del 1988. Campione di maggio nel 1991, al Funtanin, e vincitore di numerosissimi Tornei.

Aveva ricevuto il suo cognome greco nascendo nel 1928 a Putignano, famosa città di Puglia, ma era giunto ancor bimbo nella sua Ventimiglia, dove il padre era venuto a sbrigare compiti di giardiniere.

A metà degli anni cinquanta lui stesso, che aveva seguito le orme paterne, era passato a dirigere i giardinieri comunali, organizzando un efficiente vivaio ed un efficace interventismo su aiuole ed alberi, fino ai sessant’anni della pensione, raggiunti nel 1989.

Anche Adriana Caramello, sua moglie, aveva raggiunto la pensione in quel tempo.

Ora, dal momento che, fin dal 1984 della fondazione, non poteva fare a meno di seguire Minguccio nelle trasferte della Compagnia, dotata dello specifico costume medievale che gli aveva donato; da quel momento non ha potuto fare a meno di frequentare maggiormente il Campo di Tiro, dove pranzi e cene si moltiplicavano incessantemente e lei dava una mano.

Nel marzo del 1993 Minguccio ci ha lasciati, ma sta seguendo da vicino i suoi balestrieri.

6 min. per leggere

Risultati XXXIII Trofeo Nazionale LITAB 2017

Ottimo risultato ottenuto dall’associazione Contrade San Paolino, che dopo anni torna sul podio del campionato italiano LITAB di tiro alla balestra da banco, tenutosi a Forlì e a Terra del Sole il weekend del 10 e 11 giugno.

Buon inizio fin dal sabato, quando a Forlì, durante la gara dei Maestri d’Arme e dei Campioni delle 13 squadre partecipanti, Mauro Tolomei ha vinto il titolo di campione italiano dei Maestri d’Arme realizzando il miglior tiro. Terzo posto nella gara dei Campioni per Giovanni Barsanti.

Nella giornata di domenica, dopo il corteggio storico che ha visto impegnate tutte le 13 compagnie di balestrieri, con al seguito i rispettivi tamburini e sbandieratori, le Contrade si sono distinte ottenendo un terzo posto nel tiro individuale con Massimo Mazzei, con un tiro su corniolo dove 156 balestrieri hanno scagliato le proprie verrette. Infine, totalizzando 305 punti nella gara a squadre, le Contrade di San Paolino ha conquistato il terzo posto, seguendo i padroni di casa di Terra del Sole e Volterra.

Prossimo appuntamento per Lucca Medievale il 25 giugno in Piazza San Francesco, dove le Contrade San Paolino e Volterra si contenderanno il Palio, realizzato dal Maestro Prof. Lorenzetti.

Album fotografico di Luigi Marchi: https://goo.gl/photos/aNuvFzp8Pg1NkQvM7

Aggiornamento del 14/06/2017

Questa è la classifica con i risultati ufficiali del XXXIII Campionato Nazionale LITAB.

Gara a squadre

  • Volterra 336 punti
  • Terra Del Sole 318 punti
  • San Paolino Lucca 305 punti
  • Assisi 299 punti
  • Roccapiatta 297 punti
  • Montefalco 294 punti
  • Ventimiglia 291 punti
  • Amelia 277 punti
  • Chioggia 277 punti
  • Pisa 273 punti
  • Iglesias 258 punti
  • Norcia 258 punti
  • Gualdo Tadino 208 punti

Gara individuale

1º Fulvio Reale - Roccapiatta
2º Claudio Pitzianti - Iglesias
3º Massimo Mazzei - Contrade San Paolino Lucca

Gara dei Campioni

Fausto Assirelli - Terra del Sole

**Gara dei Maestri d’Arme **

Mauro Tolomei - Contrade San Paolino Lucca

Aggiornamento del 26/06/2017

Ecco la classifica definitiva.

3 min. per leggere

lucca medievale 2017




<h2>Pronto il programma di Lucca Medievale 2017</h2><p></p><p>Anche quest’anno si rinnova l’appuntamento con Lucca Medievale, che trasformerà Piazza San Francesco per il weekend del 24 e 25 giugno in un antico accampamento medievale, con mercatino di arti e mestieri ormai quasi perduti, e con spettacoli durante tutto l’arco della giornata di falconieri, trampolieri, mangiafuoco, combattenti, musici, ma anche teatro e spettacoli per bambini.</p><p>http://www.luccaindiretta.it/cultura-e-spettacoli/item/95662-in-piazza-san-francesco-torna-lucca-medievale.html
</p>

~1 min. per leggere

XXXIII Campionato LITAB

image

Il prossimo weekend del 10 e 11 giugno, i balestrieri dell’associazione Contrade San Paolino di Lucca saranno impegnati col 33° Campionato Italiano di Tiro con la Balestra Antica da Banco, organizzato dalla LITAB (Lega Italiana Tiro Alla Balestra) e dalla Compagnia Balestrieri di Terra del Sole (Forlì-Cesena).

Partecipano alla manifestazione ben 13 compagnie, ognuna proveniente da una diversa città d’Italia. Quest’anno torneranno anche i balestrieri di Norcia che, dopo il terremoto dell’agosto scorso, si sono ritrovati impossibilitati a portare avanti le loro attività fino a pochi mesi fa.

La competizione si aprirà il sabato al Parco Urbano “Franco Agosto” di Forlì, con le gare individuali dei maestri d’arme e dei campioni di ogni compagnia, che si sfideranno per contendersi rispettivamente il titolo di miglior maestro d’arme e di campione.

Domenica la Piazza d’Armi di Terra del Sole accoglierà la gara a squadre, dove la rosa di 12 tiratori di ogni compagnia effettuerà tiri sullo stesso bersaglio senza togliere le verrette.

Seguirà poi la gara individuale, dove tutti i tiratori di tutte le compagnie, a raffiche di 13 tiratori alla volta, cercheranno di effettuare il miglior tiro in assoluto su singolo bersaglio, sempre senza togliere le verrette.

I tiratori di San Paolino che hanno superato le qualificazioni interne e che parteciperanno al campionato sono:

  • Barsanti Giovanni ( Campione sociale )
  • Bertolucci Gianluca
  • Bianchini Francesco
  • Coppi Lorenzo
  • Gianni Paolo
  • Guidi Alessandro
  • Iacopini Federico
  • Iacopini Paolo
  • Mazzei Massimo
  • Puccetti Mario
  • Stefani Simona
  • Tolomei Mauro ( Maestro d’armi )
  • Toraldo Giovanni
  • Toraldo Matteo
  • Viviani Luca

In bocca al lupo e che vinca il migliore!

2 min. per leggere